Alessandro Marani

Professore già associato di Climatologia e meteorologia nell'Università Ca' Foscari di Venezia, socio effettivo dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti (eletto nel 2007)

Nato a Cerea (Verona) il 9 gennaio 1936. Laurea in Fisica, Università di Padova (1961); Diploma specializzazione in Fisica Nucleare Applicata (1962)

INTERESSI DI RICERCA: Idrologia, Climatologia e Meteorologia, Fisica dell'Atmosfera, Remote Sensing e Image Processing, Modellistica dei Sistemi Ambientali, Fondamenti Storico Epistemologici delle Scienze Ambientali

RESPONSABILITÀ ACCADEMICHE (Excerpta): Membro, Comitato di gestione del Centro di Calcolo Interfacoltà, Università di Venezia (1984-1994); Associate Editor, Ecological Modelling (Elsevier, Amsterdam) (1990-); Organizzatore, VI Convegno Internazionale ISEM (International Society of Ecological Modelling), Venezia (1987); Membro, Working Group ATMOSPHERIC CHEMISTRY, European Science Foundation (1988); Membro, Organizing Committee, Summer School on Environmental Dynamics, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti (1989-); Organizzatore, International Workshop «Modeling the Fate of Agrochemicals and Fertilizers in the Environment», Venice (1994); Membro, Organizing Committee, International Workshop «Frontiers and Opportunities in Research in Hydrology, Meteorology and Climate», Venice (1994).

PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE: Oltre cento pubblicazioni di cui 38 su riviste intenazionali recensite

Sul clima sono un ottimista catastrofico

Esistono persone che si dichiarano refrattarie alle logiche della matematica ma sentenziano sull’ambiente. Già nel 1623 Il Saggiatore ha provato a spiegare che il libro della natura

«è scritto in lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi, ed altre figure geometriche, senza i quali mezi è impossibile a intenderne umanamente parola; senza questi è un aggirarsi vanamente per un oscuro laberinto»