Valerio Pocar

Avvocato, sociologo e professore ordinario di sociologia del diritto e bioetica alla Facoltà di giurisprudenza dell' Università di Milano-Bicocca, presso la quale è Direttore del Dipartimento dei Sistemi Giuridici ed Economici; è membro del Comitato per l’etica di fine vita (Milano) e del Comitato etico dell’Istituto neurologico C. Besta (Milano.
È autore di oltre centocinquanta pubblicazioni (libri e articoli) sulla storia del pensiero sociologico-giuridico, sulla sociologia delle professioni giuridiche, sulla sociologia del diritto della famiglia e dei minori, sulla bioetica.
Dal 1998 al 2006 è stato presidente della Consulta di Bioetica (Milano).

Prelievo di organi per trapianto, cambiamo le regole?

Come si sa, v'è uno scarto tra la domanda di organi da trapiantare, che dipende dalle necessità terapeutiche, e l'offerta di organi, che dipende sia dal verificarsi di tragedie individuali che si trasformano in occasioni di prelievo sia dalla disponibilità alla "donazione". L'offerta risulta sempre inferiore alle necessità e alle attese. La causa va cercata, in minor misura, in disfunzioni e disattenzione dei servizi sanitari e, in maggior misura, nell'indisponibilità alla donazione.