Nicola Armaroli

Nicola Armaroli (1966) ha ottenuto la maturità classica nel 1985 e la laurea in Chimica nel 1990. Nel 1994 ha conseguito il dottorato di ricerca in scienze chimiche, svolgendo poi un periodo di post-doc presso il Center for Photochemical Sciences at Bowling Green State University (USA). Nel 1997 è entrato al CNR dove, dal 2002, è primo ricercatore. La sua attività scientifica riguarda la fotochimica e la fotofisica di composti di coordinazione, nanostrutture di carbonio e materiali supramolecolari, con particolare interesse per la luminescenza ed i processi di trasferimento di energia ed elettroni. Questo lavoro di ricerca di base ha importanti ricadute in varie applicazioni tecnologiche, quali la conversione dell'energia luminosa e la messa a punto di nuovi materiali luminescenti. Ha pubblicato 2 libri ed oltre 130 articoli scientifici, reviews e capitoli di libri. Ha partecipato come responsabile di unità CNR in progetti Europei del 5o, 6o 7o Programma Quadro e del COST, finanziati dalla UE. Attualmente è coordinatore scientifico del progetto europeo Marie Curie ITN-FINELUMEN (FP7-People). Nicola Armaroli svolge attività di consulenza e divulgazione scientifica sui temi dell'energia, delle risorse e dell'ambiente anche attraverso i mezzi di comunicazione di massa. Ha ottenuto il Premio Internazionale Grammaticakis-Neumann 2001 in fotochimica e il Premio Galileo 2009 per la divulgazione scientifica. Nel 1993 ha sposato Claudia e i loro tre figli sono Giovanni, Elena e Irene.

http://www.isof.cnr.it/photoscience/Nicola.Armaroli/armaroli.html

Energia per il XXI secolo

La Terra è una piccola astronave che viaggia nell’infinità dell’universo: una capsula di vita in un’immensità di materia inanimata. E’ abitata da 6.8 miliardi di persone, che consumano le risorse della “stiva” (es. acqua, suolo, minerali) a ritmi ormai insostenibili. L’elevato tenore di vita raggiunto da milioni di individui in alcune parti del mondo è reso possibile grazie ad un incessante flusso di energia a basso costo sotto forma di carburanti ed elettricità, ottenuto principalmente dai combustibili fossili.