Roberta Villa

Medico e giornalista scientifico, Roberta Villa collabora da sempre con Zadig. Ha lavorato nella redazione di Tempo Medico (di cui è stata direttore scientifico dal 2007), Onconews, Occhio Clinico e Occhio Clinico pediatria. Scrive regolarmente per il sito internet del Corriere della Sera e da quasi vent’anni per l’inserto di salute (Corriere Salute) del medesimo quotidiano; collabora con altri giornali e riviste (Espresso, Sole 24 ore Sanità, Messaggero di Sant’Antonio, il Caffè di Locarno) e con siti come quello di AIRC. Per Zadig si occupa anche di Partecipasalute.

Vizi umani e bestiali virtù

La LAV è scesa di nuovo in piazza, con motivazioni tra le quali sembra annidarsi un atteggiamento che più che morale, appare moralistico: non far pagare gli animali per i vizi degli uomini.  La pagina ufficiale su Facebook dell’Associazione, infatti, il 18 marzo, chiedeva firme con queste parole: «Fumo, alcol e droga sono vizi umani. Perché gli animali devono pagare con la loro vita?».

Zika, o della difficoltà di comunicare l’incertezza

Dichiarare un’emergenza è uno sporco lavoro, ma qualcuno lo deve pur fare. Davanti a una possibile grave minaccia alla salute pubblica internazionale, seppure con poche certezze scientifiche tra le mani, qualcuno deve prendersi la responsabilità di schiacciare tempestivamente il pulsante che attiva una catena di risposte coordinate (dalla cooperazione tra i governi alla produzione di farmaci e vaccini), e accettare così il rischio di dare un falso allarme.

La politica è di nuovo bocciata in scienze, ma non è un nuovo “caso Stamina”

L’assegnazione delle risorse per la ricerca non si fa così. In una lettera alla Stampa, un gruppo di una trentina scienziati italiani di spicco ha espresso il proprio disappunto per lo stanziamento di finanziamenti ancora una volta «destinati in maniera arbitraria, a prescindere da un’accurata valutazione scientifica».