Il declino della Università italiana secondo l'ANVUR

Read time: 6 mins

L’Agenzia Nazionale per la Valutazione dell’Università e della Ricerca (ANVUR) ha reso pubblica, nei giorni scorsi, una sintesi del Rapporto Biennale sullo Stato del Sistema Universitario e della Ricerca 2016 che sarà pronto a giorni nella sua forma definitiva. L’occasione, tuttavia, è già utile per fare il punto dello stato dell’università nel nostro paese. In un prossimo articolo faremo il punto sulla ricerca.

Sullo stato dell’università italiana in questi anni molto si è scritto e molto si è polemizzato. Ma un’analisi serena dei dati ci aiuta a capire qual è il suo stato reale, comparato con quello dei centri di istruzione terziaria degli altri paesi d’Europa e del mondo.

L’università, in ogni luogo e in ogni tempo, esiste per formare le classi dirigenti del futuro. Oggi che siamo nella società della conoscenza serve anche a qualcos’altro: a formare i lavoratori altamente qualificati che dovranno creare continuamente una nuova economia. Per questo l’istruzione universitaria è considerata strategica in tutto il mondo.

Dunque verifichiamo se e come l’università italiana assolve a questa che è la sua prima missione: la formazione. Ebbene l’ANVUR conferma che rispetto all’output – ovvero al numero di laureati nella fascia d’età compresa tra 25 e 34 anni, proprio non ci siamo. L’università italiana laurea ogni anno poco più di 300.000 giovani: un numero stabile da un decennio.

Grafico 1 - Laureati totali e al netto delle lauree specialistiche/magistrali in Italia . Anni 1999-2014 (Fonte: MIUR - Indagine sull’Istruzione Universitaria)

Il numero di giovani italiani in questa fascia di età che hanno una laurea è pari al 24%. Il primo guaio è che negli altri paesi questa percentuale è molto più alta: il 38% nell’Unione Europa; il 40% in media tra i paesi OCSE. Lontanissimo dalla punta del 67% della Corea del Nord. Siamo ultimi, tra i paesi OCSE, insieme alla Turchia. In realtà il paese a cavallo tra Europa e Asia ci ha sorpassato nel 2015. Ora siamo ultimi in assoluto.

Grafico 2Distribuzione percentuale della popolazione, in classe di età 25-34 anni, in possesso di un diploma di istruzione terziaria (ISCED 2011, livelli 5/8) per paese. Anno 2014 (Fonte: Eurostat – Education and training statistical database)

Il secondo guaio è che il gap registrato dall’ANVUR e da tutti gli istituti di ricerca nazionali e internazionali è aumentato nell’ultimo decennio. E nel futuro sembra proprio che continuerà a farlo.

È evidente che se consideriamo l’alta qualificazione un fattore strategico sia dal punto di vista culturale e sociale che da quello economico, dovremmo correre immediatamente ai ripari.

Purtroppo non succede. Dal 2007/2008 a oggi, regista l’ANVUR, le iscrizioni all’università dei giovani italiani sono diminuite. E non di poco: di un rotondo 22%. Con una certa asimmetria. Il calo di iscrizione è minore al Nord (-17%) e maggiore al Sud (-23%) e al Centro (-28%).  La causa non è solo demografica, ma anche economica e culturale.

Grafico 3Corsi attivi per ripartizione geografica (numeri indice 2007/2008=100) (Fonte: MIUR – Banca dati dell’Offerta formativa)

Infatti, le immatricolazione tra i ragazzi con meno di 20 anni sono aumentate al Nord (+8% rispetto al 2002/03), sono diminuite al Centro (-5% nel medesimo periodo) e sono crollate nel Mezzogiorno d’Italia (-10%). Insomma, la crisi di vocazione si registra soprattutto tra i giovani del Mezzogiorno.

Grafico 4Andamento degli immatricolati con età ≤ 20 per area territoriale di residenza (numeri indice 2002/2003=100) (Fonte: Anagrafe Nazionale Studenti)

Al calo di iscrizioni si aggiunge un elevato tasso di abbandono: raggiunge la laurea triennale solo il 58% degli iscritti. Ancora una volta il tasso non è simmetrico: gli abbandoni tra il I e il II anno sono massimi tra gli studenti delle scuole medie professionali (superiore al 28%) e minimi tra gli studenti dei licei (intorno all’8%).

Grafico 5Abbandono del sistema universitario tra I e II anno per coorte di immatricolati e tipo di diploma di maturità – Corsi di laurea triennali (valori percentuali)

Alla disuguaglianza geografica di immatricolazione fornisce un contributo non banale anche la migrazione degli studenti. Il 19% dei giovani del Mezzogiorno continentale che decidono di iscriversi all’università si immatricola in un’università del Centro o del Nord. La percentuale sale al 26% tra i giovani delle Isole.

Grafico 6Quota di laureati triennali in atenei del Sud e delle Isole iscritti a un corso magistrale di un ateneo del Centro- Nord (Fonte: Anagrafe Nazionale Studenti)

Insomma, c’è un’autentica e composita fuga dalle università meridionali. Un serio problema sociale ed economico, che andrebbe risolto in termini politici.

Anche perché, lo dimostrano i dati dell’ANVUR, la politica è intervenuta nel sistema universitario, con tagli agli investimenti del 22% rispetto al massimo relativo del 2009. Non c’è settore pubblico dove la spesa sia stata tagliata in maniera così massiccia. E sì che le 61 università pubbliche italiane assorbono il 90% degli studenti.

Grafico 7 - Andamento di alcune componenti riaggregate delle entrate delle università statali italiane (prezzi 2014, numeri indice 2000=100) (Fonte: MIUR – Conti Consuntivi)

In termini assoluti, sostiene l’ANVUR, il sistema universitario italiano ha perduto 1,1 miliardi sugli 8,4 del budget 2009. Questi tagli hanno consolidato l’ultima posizione che ha l’Italia tra i paesi OCSE e non solo in termini di spesa per l’università: meno dell’1% del PIL, a fronte dell’1,5% della media OCSE e di oltre il 2% di paesi come Corea del Sud, Canada o Stati Uniti.

Grafico 8 - Spesa per istituzioni educative terziarie in percentuale di PIL per fonte di finanziamento. Anno 2012 (in ordine decrescente per spesa totale, pubblica e privata) (Fonte: OCSE – Education at a Glance 2015)

Intanto le tasse di iscrizione all’università salgono, mentre sono pochi i giovani meritevoli che ricevono aiuti allo studio.

Grafico 9 - Contribuzione media nelle università pubbliche su quota di studenti che ricevono sostegno economico (anni 2013/2014) (Fonte: OCSE – Education at a Glance 2015)

Ancora una volta l’asimmetria geografica è evidente. Al Nord e al Centro quasi tutti i meritevoli (a termine di legge) ricevono gli aiuti, mentre solo la metà dei meritevoli al Sud riceve quanto dovuto.

Tabella 1 - Grado di copertura per ripartizione geografica. Anni accademici 2003/2004-2013/2014 (Fonte: Osservatorio Regionale per Università e DSU Piemonte – Elaborazioni su dati MIUR)

Ripartizione geografica2003 /20042004 /20052005 /20062006 /20072007 /20082008 /20092009 /20102010 /20112011 /20122012 /20132013 /2014
Nord94,195,094,797,598,198,099,592,175,986,390,1
Centro76,090,893,099,498,798,6100,083,784,790,791,2
Sud51,954,753,559,363,162,067,560,954,258,056,4
Totale71,577,177,282,282,981,985,877,668,875,176,5

Tutto questo ha un riflesso sull’offerta didattica. I corsi sono diminuiti: dai 5.879 del 2007/2008 a 4586 del 2015/2016: un taglio del 22%. Più accentuato al Centro (-28%) e al Sud (-23%) che al Nord (-17%).

Sono diminuiti anche i docenti di ruolo: da 62.753 nel 2008 a 50.369 nel 2015. Un taglio del 20%.

Tabella 2 - Docenti di ruolo, ricecatori a tempo determinato e altro personale di ricerca. Anni 2008, 2010, 2013, 2014, 2015 (valori assoluti) (Fonte. Archivio del Personale Docente MIUR; Archivio del Personale della Ricerca MIUR; Rilevazione sui docenti a contratto e sul personale tecnico – amministrativo MIUR)

2000200320082010201320142015
Docenti di ruolo51.96756.45062.75357.74153.45951.84050.369
Ordinari15.02817.95718.92915.85113.88313.26312.877
Associati17.24718.09218.25516.95615.83017.54720.048
Ricercatori19.69220.40125.56924.93423.74621.03017.444
Ricercatori a empo determinato---1.2803.2733.8594.608
Altro personale di ricercandnd22.04528.57629.33330.512nd
Assegnisti5.4399.78912.09313.16816.08115.94913.250
Collaboratorind6.5506.0898.0968.5998.775nd
Borse di studio e di ricerca per laureatindnd3.8637.3124.6535.788nd

I docenti che sono rimasti hanno un carico di lavoro didattico piuttosto elevato: 118 ore pro-capite (medicina esclusa). Questo carico didattico è massimo proprio al Sud e al Centro e ha un minimo (relativo) nelle università del Nord.

Grafico 10 - Ore di insegnamento dei docenti per ripartizione geografica degli atenei (valore medio) (Fonte: elaborazione dati scheda SUA-CdS 2014)

Questi dati sono sufficientemente eloquenti. Con questi investimenti e con queste asimmetrie, è molto difficile per non dire impossibile che l’Italia riduca il gap, enorme, che la separa dagli altri paesi nella formazione dei suoi giovani e nella creazione di una società fondata sulla conoscenza. 

altri articoli

Il terrorismo è comunicazione, anzi spettacolo

Oggi gli europei si sentono minacciati da due avvenimenti: il flusso crescente di migranti dall’Africa e dall’Asia e il ripetersi di episodi di uccisioni e ferimenti di massa attribuiti a vari gruppi, in particolare al cosiddetto Stato islamico. Gli individui, i popoli e le istituzioni reagiscono in vario modo (dalla Brexit alla costruzione di muri, dalle mete per le vacanze al successo di nuovi movimenti politici, dalla guerra agli interventi umanitari), ma sembra che quasi nessun comportamento o decisione sia immune dalla percezione di dover reagire a un pericolo concreto e imminente.