Nadia Mirabella

Nadia Mirabella è nata a Milano nel 1985. Nel 2010 ha conseguito la Laurea in Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio presso il Politecnico di Milano. Attualmente è borsista di ricerca all'Università degli Studi Milano Bicocca e si occupa di Life Cycle Assessment e valutazioni di sostenibilità ambientale. Da Novembre 2011 frequenta il MaCSIS, Master in Comunicazione della Scienza e dell'Innovazione Sostenibile. E' appassionata di lingue e culture straniere, viaggi, cinema e letteratura.

 

L'effetto cercato: viaggio al centro del placebo

Dopo aver scoperto di essere malato di tumore, Tiziano Terzani, giornalista italiano famoso per i suoi reportage dal sud-est asiatico, fu ricoverato in uno dei templi della medicina moderna occidentale, il Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di New York. L’ospedale è all’avanguardia nel mondo per la lotta contro i tumori e sottopose il paziente Terzani a tutte le cure necessarie per contrastare l’avanzare della malattia.

La mente entra in tribunale

I cittadini sono considerati uguali di fronte la legge, ma le neuroscienze mettono in discussione il libero arbitrio. I crimini sarebbero non solo il frutto della volontà individuale, ma anche di complesse interazioni neurali, ambientali e biologiche. Una maggiore comprensione di questi meccanismi, potrebbe aprire a una nuova collaborazione tra scienza e diritto, per garantire soluzioni processuali più giuste.

La ricerca scientifica fa bene ai parchi

In Italia si contano 871 aree naturali protette, composte da 23 parchi nazionali, parchi regionali, aree marine, riserve naturali statali e regionali. Un totale di 3.163.000 ettari di superficie protetta, ossia più del 10% del territorio italiano; questo risultato si deve principalmente alla “Legge Quadro sulle aree naturali protette”, n.