Michele Gazzola

Michele Gazzola ha ottenuto il titolo di dottore di ricerca in Gestione della comunicazione multilingue alla Facoltà di traduzione e interpretariato dell'Università di Ginevra. È titolare di un Master in Economics (Università di York, Regno Unito) e di una laurea in Economia delle amministrazioni pubbliche e delle istituzioni internazionali all'Università "Bocconi" di Milano. Attualmente svolge attività di ricerca alla Facoltà di economia dell'università Humboldt di Berlino, Germania. I suoi ambiti di studio includono l'economia linguistica, l'analisi delle politiche linguistiche, la pianificazione linguistica, il multilinguismo, l'economia pubblica e la valutazione delle politiche pubbliche.
È autore di diversi saggi su temi come la teoria della valutazione delle politiche linguistiche, l'analisi comparata dei regimi linguistici nelle organizzazioni internazionali, la valutazione delle misure a sostegno delle minoranze etniche e linguistiche e la gestione del multilinguismo nella comunicazione scientifica. Una lista completa delle pubblicazioni è disponibile su www.michelegazzola.com.

Ha partecipato al progetto integrato europeo DYLAN (“Language Dynamics and Management of Diversity", 6° Programma Quadro, 2006-2011), e al progetto europeo “The Aspect of Culture in the Social Inclusion of Ethnic Minorities: Assessing the Cultural Policies of Six Member States of the European Union” (European Centre for Minority Issues, Flensburg, Germania). È ricercatore affiliato all'Osservatorio "Economia-Lingue-Formazione" dell'Università di Ginevra, membro della Società di Linguistica Italiana e del Gruppo di Studio sulle Politiche Linguistiche, membro della Société Académique de Genève, collaboratore dell'Accademia della Crusca e associato all'AILA [Association Internationale de Linguistique Appliquée] network of Language Policy.

 

Effetti linguistici della valutazione della ricerca

Stilare classifiche degli atenei è diventata una necessità in quei paesi dove parte del finanziamento statale alle università è distribuito sulla base di periodiche valutazioni della ricerca scientifica. In Italia, ad esempio, si è iniziato nell’ultimo decennio: al VTR (Valutazione Triennale della Ricerca), esercizio pilota condotto dal Comitato di indirizzo per la valutazione della ricerca fra il 2001 e il 2003, è succeduto il VQR 2004-2010 (Valutazione della Qualità della Ricerca) guidato dall’Agenzia di valutazione del sistema universitario e della ricerca.