Paolo Giorgi Rossi

Paolo Giorgi Rossi dirige il Servizio Interaziendale di Epidemiologia e Comunicazione del rischio della AUSL di Reggio Emilia dal 2012. In precedenza ha diretto il Servizio di Health Technology Assessment dell’Agenzia di Sanità Pubblica della regione Lazio. Laureatosi in Biologia Molecolare nel 1994 all'Università di Pavia, ha conseguito il dottorato di ricerca in e Biologia Animale e Cellulare nel 1998 occupandosi di espressione genica durante lo sviluppo embrionale. Si è poi specializzato in Statistica Sanitaria nel 2003 all'Università "La Sapienza", Roma.

Nella sua attività lavorativa ha sempre coniugato la valutazione delle tecnologie sanitarie e la produzione di linee guida al servizio della programmazione sanitaria regionale e nazionale, con la conduzione e di progetti di ricerca traslazionale in ambito di prevenzione primaria e secondaria. In questa funzione ha partecipato a molti trial multicentrici sulle nuove tecnoilogie screening cervicale e mammografico.

Autore o coautore di circa 150 pubblicazioni su PubMed e di oltre 50 monografie o capitoli di libri.

Dal 2011 al 2014 Segretario nazionale del GISCi, Gruppo Italiano Screening Cervicale. Temporary advisor OMS nel periodo 2004-2006 e della IARC nel 2010.

 

Trial clinici: esperti di contenuto o di metodo?

Sull’interpretazione e la sintesi di importanti trial continuano a emergere controversie, nonostante una sempre maggiore condivisione dei principi dell’evidence based medicine da parte della comunità scientifica e di quella dei clinici. Gli esempi più evidenti, considerato il mio background, li ho trovati nell’ambito dei programmi di screening [1].