Michele Simonato

Laureato in Medicina e Chirurgia all’Università degli Studi di Ferrara e Specializzato in Tossicologia Medica all’Università degli Studi di Firenze.

E' stato Postdoctoral Research Fellow prima alla University of Alabama at Birmingham e poi alla Duke University. Fulbright Scholar nel 1989. E' professore di Farmacologia all’Università di Ferrara a all'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Direttore del Centro di Neuroscienze dell’Università di Ferrara e Vice-presidente dell’Istituto Nazionale di Neuroscienze. È chair della Translational Task Force congiunta dell’International League against Epilepsy e dell’American Epilepsy Society, che si occupa dell’ottimizzazione dello sviluppo di nuove terapie antiepilettiche.

E' autore di più di 100 articoli su riviste internazionali peer-review censite dall’ISI, di 10 capitoli di libri internazionali, di 10 capitoli di libri di testo e curatore dell’edizione italiana di un libro americano. È referee più di 30 riviste scientifiche internazionali ed editor di 3. È membro di 7 Società Scientifiche nazionali e internazionali.

Human Technopole: un dibattito che investe il nostro futuro

Il dibattito sul progetto Human Technopole (HT) per il recupero degli spazi dell’Expo è di grande rilievo, e potrebbe servire a riflettere sul modo in cui il Paese intende utilizzare le sue risorse per investire sul futuro. Temo tuttavia che molti non colgano i motivi di una discussione a volte un po’ tecnica: si tratta di un tema davvero alto, che coinvolge tutti, perché tutti concorriamo al finanziamento della ricerca scientifica.

Riflessioni non ideologiche sulla sperimentazione animale

La scorsa settimana, mentre ero a Londra, in Italia si accendeva un piccolo dibattito sulla sperimentazione animale, durante il quale alcuni arrivavano a proporne la completa abolizione. Un argomento portato a sostegno di questa proposta era che altri paesi lo stavano già facendo, a favore di metodi alternativi come test in vitro e simulazioni al computer.